La rivoluzione verde di Brazzale è completa: la filiera CO2 Zero è realtà!


Un traguardo importante il "Carbon Neutral" per il Gruppo caseario più antico d'Italia. Prova la qualità dei suoi prodotti nei Supermercati Decò.

Una "(R)evolution" senza limitazioni di confini quella iniziata nel 2000 dal Gruppo Brazzale. Una rivoluzione ed evoluzione che ha portato il Gruppo caseario più antico d’Italia a ridisegnare le proprie attività. Il Gruppo Brazzale consapevole dei cambiamenti epocali in atto, della caduta delle frontiere, del sempre più avanzato sviluppo tecnologico, del progresso prodigioso di logistica e trasporti, sfruttando al meglio queste straordinarie opportunità ha deciso di fare le cose dove riescono meglio, raggiungendo formidabili risultati in termini di qualità, salubrità, convenienza dei prodotti e di rispetto ambientale dei cicli produttivi. Una scelta industriale, una rivoluzione che nel 2019 ha raggiunto un ultimo, fondamentale traguardo: il Gruppo è ora “Carbon Neutral” con filiera CO2 Zero!

La compensazione delle emissioni di CO2 di tutti i suoi stabilimenti produttivi nel Mondo: un risultato straordinario frutto di un innovativo modello agricolo e zootecnico. Con 1,5 milioni di nuovi alberi di Eucaliptus piantati nei propri pascoli in Brasile l'impronta di carbonio del burro e dei formaggi prodotti dal Gruppo Brazzale è neutra: il bilancio fra CO2 emessa e CO2 catturata è neutro, in virtù della capacità delle piante di agire come una spugna naturale, assorbendo l'anidride carbonica mentre, semplicemente, crescono. È il modello Silvipastoril: la riforestazione dei pascoli e la loro trasformazione in giganteschi polmoni in grado di catturare nel legno la CO2. Foreste miste a radure, un sistema in cui la CO2 non è più un veleno ma un vero e proprio alimento per gli alberi, di cui si cibano trasformandolo in ossigeno e massa vegetale e legnosa, ed evitando la dispersione del carbonio nell'atmosfera.


I pascoli diventano un polmone verde!

Riforestazione che permette al Gruppo Brazzale di conseguire ulteriori traguardi

  • Incremento del benessere animale, allevati in una condizione naturale di bosco misto a radura
  • Aumento formidabile della biodiversità
  • Incremento della produzione di foraggio per unità di superficie
  • Eliminazione delle concimazioni
  • Riduzione dell fabbisogno di superfici: a parità di produzioni consente di lasciare a foresta selvatica superfici maggiori

Una nuova sensibilità per l'ambiente, il benessere animale, la biodiversità e lo stesso scopo che guida da 8 generazioni la Famiglia Brazzale: realizzare prodotti sempre più buoni, sani e convenienti: burro, formaggi grana, formaggi a pasta pressata e filata, suini e bovini per servire mercati sempre più estesi e consumatori sempre più esigenti ed evoluti.


Una rivoluzione iniziata nel 2000 che ha visto anche altri grandi risultati nel campo della sostenibilità ambientale, come la certificazione della Filiera Ecosostenibile per il Gran Moravia, il primo formaggio al mondo a calcolare la sua impronta idrica, ma anche della produzione e dell’occupazione. Il collaboratori del Gruppo Brazzale in vent'anni sono passati da circa 150 a circa 700 (raddoppiando il proprio numero in Italia), un aumento nel numero di occupati combinato con il progredire costante dei profili professionali, sempre più qualificati.


Scopri di qui tutto quello che c'è da sapere sulla filiera CO2 Carbon Neutral del Gruppo Brazzale.
Segui Brazzale e Gran Moravia su Facebook e Istagram (Brazzale Spa - Gran Moravia)


Brazzale. Formaggi e burro: tradizione di famiglia dal 1784.
Provali in tutti i Supermercati Decò.